L’Università di Messina aveva adottato la Policy Open Access di Ateneo già nel 2018 e con delibera del Consiglio di Amministrazione del 22 dicembre 2022, previo parere del Senato Accademico, è stato approvato il nuovo testo di Policy Open Access per ribadire i presupposti normativi e organizzativi per l’esposizione ad accesso aperto dei prodotti della ricerca e introdurre nuovi criteri normativi e organizzativi per la raccolta, conservazione, metadatazione e, per quanto possibile, apertura dei dati della ricerca.
Nella stessa seduta è stata approvata la Policy di gestione dei dati della ricerca (Policy di Research Data Management – RDM), finalizzata a garantire una corretta gestione dei dati della ricerca nelle pratiche di raccolta, archiviazione e conservazione, stabilendo responsabilità, diritti e doveri dell’Ateneo e dei
ricercatori.

Il traguardo della policy costituisce per il nostro Ateneo un punto d’arrivo quasi dovuto, anche in considerazione del ruolo che l’Università di Messina si è ritagliato nel corso degli anni all’interno della comunità open access con l’organizzazione di due eventi cruciali per lo sviluppo dell’accesso aperto in Italia dai quali sono scaturite la Dichiarazione di Messina del 2004 e  la Road Map 2014-2018.